Concorso pubblico, per titoli ed esami, a sedici posti di funzionario amministrativo, profilo giuridico, in prova, area III, livello 1, del ruolo organico

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
E' indetto un concorso pubblico, per titoli ed  esami,  a  sedici
posti di funzionario amministrativo,  profilo  giuridico,  area  III,
livello  1,  nel  ruolo  organico  del  Consiglio   Superiore   della
Magistratura, di cui sei riservati al personale attualmente in  ruolo
presso il Consiglio Superiore della Magistratura con la qualifica  di
assistente nell'area II, ovvero in posizione di  servizio  temporaneo
presso il CSM con funzione assimilabile a quella di  assistente,  che
abbia maturato  un'esperienza  professionale  presso  il  C.S.M.  non
inferiore a un anno negli ultimi quattro,  purche'  in  possesso  dei
requisiti previsti dall'art. 2 del presente bando. (1) 

(1) I posti riservati sono 6 in quanto il 40% e'  riservato  solo  al
    personale di ruolo del CSM  con  una  procedura  di  progressione
    interna ai sensi dell'art. 22, comma 15, decreto  legislativo  25
    maggio 2017 n. 75 e dell'art. 71 del Regolamento del personale. 


La domanda di partecipazione  al  concorso  deve  essere  inviata
esclusivamente per  via  telematica,  con  le  modalita'  di  seguito
indicate, entro il termine di trenta giorni decorrente dalla data  di
pubblicazione del  presente  bando  nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica - 4° Serie speciale «Concorsi ed esami». Il candidato deve
collegarsi  al  sito   internet   del   Consiglio   Superiore   della
Magistratura, www.csm.it alla sezione «Concorsi» per registrarsi. 
    Per effettuare la registrazione occorre inserire: nome,  cognome,
codice fiscale, data  di  nascita,  indirizzo  di  posta  elettronica
certificata di cui il candidato sia  titolare,  codice  di  sicurezza
(Password). 
    A seguito dell'avvenuta registrazione, il  sistema  inviera'  una
email di conferma all'indirizzo PEC specificato; in tale email  sara'
presente un URL che il candidato dovra' cliccare  per  confermare  la
registrazione; la mancata conferma comportera'  l'annullamento  della
registrazione. 
    La domanda  di  partecipazione  deve  essere  redatta  compilando
l'apposito modulo presente sempre nella sezione «Concorsi»  del  sito
www.csm.it utilizzando   le   credenziali   fornite   in   fase    di
registrazione. 
    Detto modulo sara' disponibile dal giorno  di  pubblicazione  del
presente bando nella Gazzetta Ufficiale e fino alla data di  scadenza
dello stesso. Dopo aver completato l'inserimento e  la  registrazione
dei dati, il sistema informatico notifichera' l'avvenuto  inserimento
della domanda, fornendo una pagina di risposta che contiene  il  file
in formato pdf «domanda di partecipazione». 
    Il candidato deve salvare  la  domanda,  stamparla,  firmarla  in
calce e,  unitamente  a  fotocopia  di  un  documento  di  identita',
scansionarla in formato pdf. 
    Per completare  la  procedura,  il  candidato  deve  inviare,  in
allegato,  la  domanda  cosi'  scansionata,  cosi'  come   i   titoli
valutabili e di preferenza o precedenza, al Consiglio Superiore della
Magistratura - piazza dell'Indipendenza n.  6,  00185  Roma,  tramite
posta   elettronica   certificata,    esclusivamente    all'indirizzo
affgen.csm@giustiziacert.it purche'  l'autore  sia  identificato   ai
sensi dell'art. 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 «codice
dell'Amministrazione Digitale», specificando nell'oggetto  il  numero
della domanda presente nel documento allegato,  nonche'  il  concorso
per il quale si vuole concorrere. 
    Tale invio  andra'  effettuato  entro  e  non  oltre  il  termine
perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione del  presente
bando nella Gazzetta Ufficiale. 
    Il sistema notifichera' con una email di «avvenuta  consegna»  al
candidato la presa  in  carico  della  email  contenente  la  domanda
siglata con eventuali  allegati  nonche'  di  qualunque  altra  email
inviata all'indirizzo pec sopra indicato. Tale  email  dovra'  essere
salvata, stampata, conservata a cura del candidato ed esibita per  la
partecipazione alle prove scritte. 
    La procedura di invio della domanda deve essere completata  entro
il termine di scadenza del bando. In assenza di invio, la domanda  e'
irricevibile. In caso di inserimento di piu' domande  per  lo  stesso
bando, sara' presa in considerazione la domanda inserita per ultima. 
    Allo scadere dei termini, il sistema informatico non  permettera'
piu' l'accesso al modulo WEB, e scartera' tutte le  email  contenenti
le domande siglate e/o eventuali allegati pervenuti oltre i  termini.
Le  modalita'  operative  di  registrazione,  compilazione  ed  invio
telematico della domanda saranno illustrate in un apposito  documento
reperibile nella sezione «concorsi» del sito www.csm.it 
    Non  saranno  accolte  le   domande   pervenute   tramite   posta
elettronica certificata  di  utenza  diversa  da  quella  di  cui  il
candidato sia titolare. 
    La  domanda  si  intende  validamente  presentata  se   inoltrata
mediante l'utenza personale di posta elettronica certificata ai sensi
dell'art. 65 del decreto legislativo  7  marzo  2005  n.  82  «Codice
dell'Amministrazione digitale». 
    Qualora, negli ultimi  tre  giorni  lavorativi  di  presentazione
delle  domande  di  partecipazione,  sul  sito  del  C.S.M.   venisse
comunicata l'indisponibilita' del sistema informatico  per  l'inoltro
delle domande di  partecipazione  al  concorso,  gli  aspiranti,  nel
termine di cui al primo comma, potranno inviare la domanda,  come  da
fac-simile allegato al presente bando, a mezzo  di  raccomandata  con
avviso  di  ricevimento,  presso   il   Consiglio   Superiore   della
Magistratura, piazza Indipendenza  n.  6,  00185  Roma.  Sulla  busta
dovra' risultare l'indicazione del bando  di  concorso  al  quale  il
candidato chiede di partecipare (funzionario amministrativo,  profilo
giuridico area III livello 1). 
    Nella domanda, redatta in conformita' allo schema  allegato,  gli
aspiranti dovranno dichiarare ai  sensi  dell'art.  46  e  segg.  del
decreto del Presidente della Repubblica 28  dicembre  2000,  n.  445,
consapevoli delle sanzioni penali previste dal successivo art. 76 per
le ipotesi di falsita' in atti e di dichiarazioni mendaci: 
      1. il nome e cognome, il luogo e la data di nascita, il  codice
fiscale, la residenza, il telefono cellulare; 
      2. il possesso della cittadinanza italiana  o  di  altro  Paese
dell'Unione europea di cui all'art. 2; 
      3. il comune nelle cui  liste  elettorali  risultano  iscritti,
ovvero i motivi della non  iscrizione  o  cancellazione  dalle  liste
medesime; i cittadini  di  altri  Stati  membri  dell'Unione  europea
devono altresi' dichiarare di godere dei diritti politici anche nello
stato di appartenenza o di provenienza e di avere adeguata conoscenza
della lingua italiana; 
      4. le eventuali condanne  penali  riportate  con  l'indicazione
degli  estremi  del  provvedimento  di  condanna,   di   applicazione
dell'amnistia, dell'indulto o del perdono  giudiziale  e  i  relativi
titoli di reato; 
      5. eventuali procedimenti penali pendenti a proprio carico; 
      6. di non  essere  stato  destituito  licenziato  o  dispensato
dall'impiego presso una pubblica amministrazione,  ovvero  dichiarato
decaduto o licenziato senza preavviso per aver  conseguito  l'impiego
mediante la produzione di documenti falsi o  viziati  da  invalidita'
insanabile; 
      7. di essere in posizione regolare nei confronti  del  servizio
di leva al quale siano stati eventualmente chiamati; 
      8. l'idoneita' fisica all'impiego; 
      9. il diploma di laurea posseduto, con l'indicazione della data
del conseguimento, del voto riportato e dell'Universita'  che  lo  ha
rilasciato, o della dichiarazione di  equipollenza  rilasciata  dalla
competente autorita' in caso di conseguimento all'estero; 
      10. il possesso dei requisiti di cui all'art.  2  del  presente
bando  con  l'indicazione  della  data  di  inizio   delle   relative
attivita'; 
      11.  i  servizi   eventualmente   prestati   presso   pubbliche
amministrazioni e le eventuali  relative  cause  di  risoluzione  del
rapporto; 
      12. l'eventuale diritto alla riserva dei posti di cui  all'art.
1 del presente bando; 
      13. l'eventuale riconoscimento  dello  stato  di  handicap  con
indicazione degli  estremi  dell'apposita  certificazione  rilasciata
dalla competente struttura pubblica e degli strumenti  ausiliari  e/o
tempi aggiuntivi richiesti; 
      14. l'eventuale possesso di titoli di precedenza  o  preferenza
previsti dall'art. 5 del decreto del Presidente  della  Repubblica  9
maggio 1994, n. 487 e successive modificazioni e integrazioni. 
      15.  la  buona  conoscenza  della  lingua  estera  (inglese   o
francese); 
      16. la conoscenza di tutte le clausole del bando, nonche' delle
condizioni di ammissione al concorso. 
    Il candidato deve indicare il recapito presso il  quale  desidera
che   l'Amministrazione   effettui,   mediante   posta    elettronica
certificata ovvero, in subordine, raccomandata A/R, le  comunicazioni
relative al presente  concorso.  Eventuali  variazioni  del  predetto
recapito dovranno  essere  comunicate  tempestivamente  al  Consiglio
Superiore della Magistratura con le stesse modalita'. 
    Il Consiglio  Superiore  della  Magistratura  non  assume  alcuna
responsabilita' per la dispersione delle comunicazioni dipendente  da
inesatta indicazione del recapito da parte dell'aspirante, oppure  da
mancata o tardiva comunicazione del cambiamento del recapito indicato
nella domanda, o per eventuali disguidi imputabili a fatto di  terzi,
caso fortuito o forza maggiore. 
    Alla domanda, debitamente compilata e sottoscritta,  va  allegata
una  copia,  in  formato  PDF,   dei   seguenti   documenti   recanti
dichiarazione di conformita' all'originale,  ai  sensi  dell'art.  19
del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445: 
      titoli valutabili; 
      titoli di preferenza o  precedenza  previsti  dall'art.  5  del
decreto del Presidente della Repubblica  9  maggio  1994,  n.  487  e
successive modificazioni e integrazioni; 
      documento di identita' personale in corso di validita'.